La Forra Di Rio Maggiore

Civita Castellana, sorge su di un pianoro tufaceo a 147 mt s.l.m., lambito da due corsi d’acqua, il Rio Maggiore e il Rio Vicano. Il 27 ottobre 1786 Goethe, arrivato a Civita Castellana, ultima sosta prima del suo approdo definitivo a Roma, annota nell’Italienische Reise: “ La città è costruita su tufo vulcanico, nel quale m’è parso di ravvisare cenere, pomice e frammenti di lava. Bellissima la vista del castello: il Monte Soratte, una massa calcarea che probabilmente fa parte della catena appenninica, si erge solitario e pittoresco. Le zone vulcaniche sono molto più basse degli Appennini, e solo i corsi d’acqua, scorrendo impetuosi, le hanno incise creando rilievi e dirupi in forme stupendamente plastiche, roccioni a precipizio e un paesaggio tutto discontinuo e fratture …….”Sotto il profili geologico il territorio di Civita Castellana si trova inserito in una regione prettamente vulcanica grazie all’attività del vulcano Vicano. I prodottI di questo apparato eruttivo formano l’ossatura dell’intera zona. In particolare Civita Castellana è posta in prossimità del bordo orientale di un esteso plateau vulcanico costituito dai prodotti emessi dal vulcano Vicano. Nel territorio affiorano principalmente due tipi litologici geneticamente legati all’attività vulcanica: le lave leucitiche (occhialina) e il tufo rosso. La morfologia della zona è in genere pianeggiante con rari e sparsi rilievi che si elevano per pochi metri sul resto del territorio. Il carattere morfologico più interessante di questo settore è dato dalla presenza di profonde e strette valli a pareti verticali, le forre, dovute all’attività di erosione del fiume Treia, del rio Maggiore, del rio Purgatorio, del Rio Filetto (o Vicano) e del Fosso dell’Isola: le incisioni di questi corsi d’acqua si sono spinte, in alcuni tratti, fino a livelli considerevoli (circa 50 metri al di sotto del piano di campagna), mettendo in mostra tutta una serie di rocce vulcaniche, fino al sottostante substrato sedimentario.





Richiedi Informazioni

Le Forre Di Corchiano – Oasi WWF

Un ambiente naturale selvaggio, ricco di bellezze naturalistiche e di importanti testimonianze del passato Il Monumento naturale Forre di...

La Forra Del Fiume Treja

Benché il paesaggio dell’Agro Falisco appaia in lontananza come un’unica e piatta vallata, mossa solo da modeste collinette, l’immagine di...

La Forra Di Rio Maggiore

Civita Castellana, sorge su di un pianoro tufaceo a 147 mt s.l.m., lambito da due corsi d'acqua, il Rio Maggiore e il Rio Vicano. Il 27 ottobre...

Da Corchiano a Vasanello

Dalla Madonna del Soccorso, si segue l’Amerina, in una tagliata, fino alla SP San Luca.Da qui,attraverso un noccioleto, dopo 300msi arriva al...

Da Faleri Novi a Corchiano

Dopo Falerii Novi, il percorso segue la strada comunale fino alla frazione di Falerii. Attraversata la SP Faleriense, dopo 500 m si raggiunge lo...

Da Nepi A Faleri Novi

Da Nepi, imboccando via San Paolo, si segue l’antica via Amerina e, dopo 900 m, si raggiunge un cancello che dà accesso ad un’azienda...

La Tagliata Dei Cavoni Nepi

Le “Forre”, che rappresentano l'elemento geomorfologico caratteristico del territorio, sono delle larghe valli delimitate da pareti...

La Tagliata di Castel D’Ischia

Ai piedi di Monte Ulivo, posto sull’estremità di uno sperone tufaceo, il sito medievale di Castel d’Ischia, sorge sui resti di un...

La Tagliata Fantibassi

Posta poco fuori il centro abitato di Civita Castellana, nei pressi della via Nepesina, la cava buia Fantibassi rappresenta uno dei maggiori esempi...